controlli_barca.jpg
25 Lug

La sicurezza in barca: 10 consigli per navigare in tranquillità

Andare in barca è un piacevole passatempo per tutti gli amanti del mare. Prima di partire, però, è necessario, seguire delle regole fondamentali per evitare incidenti e imprevisti. Ecco quindi 10 consigli per viaggiare in barca in completa sicurezza.

1.Monitorare le condizioni climatiche

Prima della partenza e durante il viaggio è fondamentale tenere sotto controllo le previsioni meteo, anche attraverso la radio di bordo: in mare non ci si possono concedere errori in merito al tempo atmosferico, in quanto anche un banale vento più forte del previsto può essere molto pericoloso. Un consiglio da marinai esperti: ricordati che è sempre molto facile uscire con il vento in poppa, ma altrettanto difficile rientrare con il vento da prua. Attenzione quindi alla situazione del vento quando pianifichi la tua uscita!

2. Informarsi sulle caratteristiche del luogo

Esattamente come è fondamentale informarsi sulle condizioni meteorologiche, prima della partenza in barca è altrettanto importante verificare bene fondali, punti di riferimento ed eventuali insidie. Possiamo affidarci al plotter o alle buone vecchie carte nautiche, ma anche chiedere ai locali (meglio se più di uno) è un metodo valido per evitare spiacevoli inconvenienti.

3. Verificare la dotazione di sicurezza

Un controllo che non si può saltare prima della partenza è senza dubbio quello delle dotazioni di sicurezza.
Verifica in particolar modo la presenza di:
  • Giubbotto salvagente.
  • Cassetta di pronto soccorso.
  • Radio di bordo funzionante.

4. Conoscere le regole di precedenza

Ebbene sì, meglio ripassare le regole una volta in più che una in meno. D'altronde, senza i diritti di precedenza è davvero difficile e pericoloso navigare. Ricordati che una virata di una barca a vela non sarà mai rapida e semplice quanto quella di una barca a motore. Allo stesso tempo, una barca impegnata in operazioni di pesca avrà sicuramente più difficoltà a spostarsi di una barca a vela e così via. È facile accorgersi che i diritti di precedenza in mare non sono assegnati in modo casuale, ma a chi ha più difficoltà di manovrare: prima della partenza, ripassa tutte le regole come se dovessi sostenere di nuovo l’esame per la patente!

5. Non partire da soli

Una regola basilare per chi naviga in barca: è sempre meglio evitare di prendere il largo completamente soli, in modo tale da avere un aiuto in caso di malfunzionamenti o imprevisti.

6. Avvertire qualcuno a terra

Avvisare una persona fidata che non partirà con te, ancor meglio un marinaio, illustrando la navigazione che intendi fare e fissando un orario (un giorno in caso di lunghe navigazioni) di rientro è il miglior modo per garantirsi un aiuto da terra anche in caso di mancanza di segnale radio o problemi a comunicazione un incidente.

7. Portare con sé diversi mezzi di comunicazione

Non solo di comunicazione, ma anche più mezzi di localizzazione possibile, come cellulare, vhf, ipad, GPS ecc, proteggendoli eventualmente con una busta stagna.

8. Prendere punti di riferimento a terra

Prima di uscire e durante una navigazione costiera, creare mentalmente una mappa di dove ti trovi e soprattutto di dove sei partito è fondamentale per un rientro sicuro in porto.

9. Indossare indumenti adatti

In questo caso, i consigli della nonna sono i più utili: in mare fa sempre più freddo di quanto ci si immagini, quindi, nel dubbio, metti una muta o una cerata, sarai sempre in tempo a toglierla se non necessaria! 10. Accertarsi di essere assicurati Anche in mare, così come in auto, l’assicurazione è fondamentale (nonché obbligatoria): se non sai a chi affidarti o quale polizza sottoscrivere, contatta un consulente Yodha, saprà consigliare l’assicurazione migliore per te e il tuo mezzo nautico. Contattaci subito per una consulenza, sia in sede che online!

Richiedi informazioni

Accetto l'informativa sulla privacy